PATTO DI CORRESPONSABILITÀ STIPULATO TRA ACADEMY E SOCI


Lo Spirito che da sempre muove Academy mira a:
1. rispettare le diversità siano esse fisiche, culturali, sessuali, etniche, religiose, spirituali;
2. rispettare i diversi metodi, tecniche, scuole di pensiero e i percorsi di ricerca etica, interiore e spirituale;
3. dar vita a uno spazio protetto che induca nell’uomo la capacità di ricevere quei personalissimi impulsi che lo portino a cogliere le domande evolutive per la propria crescita e la propria evoluzione personale, intese come germe per lo sviluppo dell’umanità;
4. dar vita a uno spazio in cui si sviluppino attività e atmosfere che portino l’essere umano ad aprirsi verso il prossimo con rispetto, meraviglia e gratitudine;
5. dar vita ad uno spazio protetto in cui un’anima possa collegarsi intimamente ad un’altra anima, consapevoli che l’apertura dell’anima è un presupposto indispensabile per poter espandere l’essenza dell’individuo;
6. dar vita ad un ambiente didattico che favorisca il formarsi di professionisti nella relazione di aiuto;
7. facilitare l’ampliamento della coscienza di ciascun socio al fine che i cambiamenti interiori di ciascuno si riflettano nel proprio modo di pensare, sentire, volere e amare se stesso e gli altri;
8. facilitare la formazione dell’autocoscienza;
9. offrire un percorso didattico individualizzato e di qualità;
10. dar vita a un ambiente didattico basato sul rispetto reciproco, sereno e al contempo stimolante e orientato al benessere individuale e collettivo;
11. dar vita a un’atmosfera didattica improntata al dialogo collaborativo al fine di realizzare al meglio quanto appreso e di sviluppare e/o supportare l’autostima, l’autoefficacia ed il benessere;
12. far sì che il socio possa beneficiare di comportamenti, atteggiamenti e stili di vita da parte dei docenti, codocenti, amici di Academy, consoni allo spirito della stessa;
13. far sì che ogni socio possa esprimere liberamente il proprio pensiero, le proprie convinzioni e sentirsi componente attiva e parte integrante del tessuto sociale associativo;
14. far sì che ogni socio possa aver riconosciuti la propria individualità e il proprio stile di vita, il quale tuttavia non deve arrecare danno al corretto andamento delle attività didattiche e non deve risultare contrario alle finalità didattiche di Academy, atte a garantire l’evoluzione personale di ciascuno studente;
15. formare persone, prima ancora che professionisti, capaci di affrontare con consapevolezza ed efficacia la relazione d’aiuto;
16. formare Counselor professionisti che riscoprendo e valorizzando la propria umanità siano in grado di aiutare gli altri a fare lo stesso, per massimizzare il proprio benessere profondo;
17. ampliare la consapevolezza, le capacità e la coscienza, attraverso un concreto percorso di crescita ed evoluzione personale e professionale.
Il presente scritto nasce dalla necessità di proteggere e preservare nel tempo lo Spirito di Academy.

RESPONSABILITÀ E CORRESPONSABILITÀ

Ogni singolo socio è consapevole che il proprio comportamento e la propria condotta hanno delle ripercussioni nei confronti degli altri soci di Academy e nei confronti dell’Associazione stessa.

Ciò comporta:
• il principio di responsabilità per il quale Academy è responsabile delle diverse occasioni formative che propone; della correttezza dei rapporti interni e della professionalità nei servizi forniti;
• il principio di corresponsabilità per il quale ogni singolo socio, docente o responsabile delle proposte formative è responsabile dell’atteggiamento e del comportamento che sceglie di attuare, consapevole che la propria condotta può apportare beneficio o arrecare danno a se stesso, agli altri soci e all’Associazione stessa.

Pertanto:
ogni associato è considerato artefice del proprio sviluppo personale e dello sviluppo dell’Associazione stessa e il suo atteggiamento volgerà alla costruzione, alla creazione e all’evoluzione di sé e dell’Associazione stessa.

 

 

SOCI FREQUENTANTI, SOCI SOSTENITORI e soci benefattori

I SOCI FREQUENTANTI sono coloro che, iscritti ad uno dei percorsi che Academy propone frequentano i moduli formativi e le occasioni didattiche previsti dal proprio calendario didattico nelle varie sedi di Academy

I SOCI SOSTENITORI sono coloro i quali, una volta terminato il percorso annuale, biennale o triennale sottoscritto, e avendo pertanto terminato la frequenza, desiderano rimanere a far parte dell’associazione.  Essi si impegnano a corrispondere l’ammontare della quota sociale tramite bonifico bancario entro il 31 gennaio di ciascun anno per poter usufruire delle speciali condizioni dedicate ai soci sostenitori proposte da Academy

I SOCI BENEFATTORI sono coloro i quali, non essendo iscritti a nessun percorso hanno conosciuto Academy e desiderano contribuire con delle donazioni alle finalità dell’Associazione

 

ACADEMY HA LA RESPONSABILITÀ E SI IMPEGNA A:

1. fornire a ciascun socio frequentante un percorso didattico individualizzato e di qualità;
2. creare un ambiente didattico sereno, “protetto” basato sul rispetto reciproco, e al contempo stimolante e orientato al benessere dell’individuo e della collettività;
3. dare vita ad un’esperienza didattica improntata al dialogo collaborativo e a sviluppare, implementare e/o sostenere l’autostima, l’autoefficacia e il benessere del socio, dei docenti e delle persone che collaborano con la stessa;
4. fornire a ciascun socio frequentante, se prevista, la dispensa teorica corrispondente al termine del modulo didattico frequentato;
5. garantire l’effettivo svolgimento dei moduli didattici e delle attività didattiche o formative programmati in ciascuna delle tre sedi, dando eventuale comunicazione di cambiamento di data entro 8 (otto) giorni dalla data d’inizio dell’esperienza;
6. dare la possibilità, salvo mancata disponibilità dei locali o cause di forza maggiore, di pernottare a titolo gratuito in occasione dei moduli didattici e delle occasioni didattiche previste presso la sede di Vicenza usufruendo degli spazi a tal fine dedicati e dei servizi igienici/docce (minimo due persone per questioni di sicurezza). Durante il periodo autunnale e/o invernale il riscaldamento verrà lasciato acceso anche in orario notturno nel caso in cui il numero delle persone che intendono pernottare presso la sede sia pari o maggiore a 6 (sei);
7. dare la possibilità ai soci che ne abbiano la necessità e che richiedano di modificare il proprio piano didattico secondo le modalità previste da questo regolamento, di poter recuperare la frequenza “mancata” concordando la frequenza al medesimo modulo didattico tenuto in un’altra sede oppure ad un altro modulo didattico che preveda il medesimo monte ore tenutosi, nello stesso anno, nella sede di appartenenza o in altra sede;
8. offrire la possibilità ai propri soci, in regola con il pagamento della quota associativa annuale, che accompagnino in Academy un nuovo cliente che non abbia mai frequentato le iniziative che Academy propone, di frequentare a titolo gratuito un modulo didattico che preveda il medesimo monte ore. Qualora il nuovo cliente risulti iscritto ad un modulo didattico già frequentato dal socio di Academy, quest’ultimo avrà diritto alla rifrequenza gratuita dello stesso. Qualora invece il nuovo cliente frequenti un modulo didattico appartenente al calendario del socio frequentante, quest’ultimo ha diritto alla rifrequenza di un seminario a sua scelta purché preveda il medesimo monte ore;
9. offrire la possibilità ai propri soci, che abbiano già frequentato un modulo didattico, di poterlo frequentare nuovamente al costo agevolato del 50% rispetto al costo del modulo stesso;
10. qualora un nuovo cliente accompagnato da un corsista decida di iscriversi al Percorso Rinascita Arcobaleno, quest’ultimo riceverà da Academy la somma di euro 200,00 (duecento), da spendersi all’interno dell’Associazione, nel momento in cui il nuovo cliente abbia versato per intero la somma che gli compete. Questa agevolazione non è accumulabile con altre offerte proposte;
11. qualora un nuovo cliente accompagnato da un corsista decida di iscriversi alla Scuola triennale di Life Counselor, quest’ultimo riceverà da Academy la somma di euro 500,00 (cinquecento), da spendersi all’interno dell’Associazione, così suddivisi: euro 200,00 (duecento) per il primo anno, nel momento in cui il nuovo cliente abbia corrisposto per intero l’ammontare annuale; euro 200,00 (duecento) per il secondo anno nel momento in cui il nuovo cliente abbia corrisposto per intero l’ammontare annuale ed euro 100,00 (cento) per il terzo nel momento in cui il nuovo cliente abbia corrisposto per intero l’ammontare annuale. Questa agevolazione non è accumulabile con altre offerte proposte;
12. esporre i cenni organizzativi nel sito di Academy 15 (quindici) giorni prima della data d’inizio del modulo didattico o dell’esperienza didattica visitando la pagina https://www.lifecounselor.it/calendario-seminari. I cenni saranno visibili scegliendo il corso calendarizzato e scaricando le informazioni attraverso il tasto DOWNLOAD che è posto nella fine pagina dello stesso;
13. nella persona del Presidente, ad allontanare dalla sala e/o da Academy stessa per il tempo considerato opportuno coloro che scelgano atteggiamenti, comportamenti e un linguaggio non appropriati che ostacolino lo svolgimento delle attività didattiche e che non siano rispettosi del contesto associativo e in linea con l’ambiente rispettoso dello sviluppo personale di ciascuno che Academy è. Tale provvedimento verrà applicato, seduta stante, anche in caso di divulgazione completa o parziale, commenti o battute inerenti a quanto accaduto nel corso delle esperienze vissute in sala da altri partecipanti;
14. si riserva il diritto di annullare un modulo didattico entro 14 (quattordici) giorni dalla data di scadenza in caso di mancato raggiungimento del numero minimo di adesioni;
15. si riserva il diritto di annullare un modulo didattico fino all’inizio dello stesso per eventi atmosferici avversi, cause di forza maggiore o qualora il docente sia impossibilitato a svolgere il corso.
16. istituire un comitato/commissione composto dai cinque portavoce di percorso formativo, un rappresentante del primo anno di formazione, un rappresentante del secondo anno di formazione, un rappresentante del terzo anno di formazione, un rappresentante del master e un rappresentante della formazione continua, dal Direttore o incaricato delle quattro sedi e dal Direttore Didattico allo scopo di creare un ponte di concertazione e condivisione tra il Direttivo o il Presidente e i Soci di Academy. A questa commissione si rivolgeranno i soci, i Direttori, il responsabile amministrativo e il Presidente stesso in caso di insolvenza, di mancato rispetto del piano di pagamento, di chiusura anzitempo dei contratti in essere o per tutte quelle situazioni difficoltose e spinose che si possono generare. La commissione si interrogherà al fine di trovare soluzioni creative in merito o per proporre il da farsi, fermo restando la validità del contratto in essere.
Le decisioni verranno prese per votazione, ogni membro della commissione avrà diritto ad un voto. Le decisioni prese saranno presentate al Direttivo o al Presidente i quali ne terranno conto per prendere la decisione finale. La commissione in sé non ha potere decisionale, il suo compito si limita a proporre soluzioni alle problematiche che gli vengono sottoposte.
17. Nel caso in cui al termine del triennio formativo e in procinto di sostenere l’esame di Life Counselor il socio non fosse in possesso dei requisiti richiesti per il rilascio del titolo, Academy rilascerà comunque l’Attestato di partecipazione/frequenza al Corso in Counseling” prevedendo le seguenti possibilità:
       - Monte ore di formazione didattica incompleto: al netto del 20% delle assenze ammesse per ciascuna annualità di corso, il socio frequenterà il o i moduli formativi mancanti nell’arco dell’anno accademico successivo.
       - Monte ore di tirocinio incompleto: il socio completerà il monte ore di tirocinio previsto nel corso dell’anno accademico successivo.
       - Prove certificate mancanti:
1. Academy offre la possibilità ai propri soci in regola con il pagamento della quota associativa a titolo gratuito, la possibilità di frequentare i seminari del terzo anno dedicati al counseling nel corso dell’anno accademico successivo fino a che il socio avrà conseguito le prove certificate richieste.
2. Il socio, dopo aver trovato un cliente, fissa un appuntamento con Academy in modo da poter svolgere il colloquio presso la sede di Vicenza alla presenza di due docenti invitati da Academy per l’occasione i quali saranno gli incaricati di certificare o meno il colloquio. Tale opzione prevede che il socio corrisponda ad Academy euro 100,00 (cento) per ciascun colloquio per il quale si richiede l’appuntamento a prescindere dalla certificazione o meno del colloquio stesso.
- Esame conclusivo non superato: il socio sosterrà nuovamente l’esame conclusivo del percorso triennale nella data prevista a tale scopo l’anno accademico successivo, riconoscendo le spese previste di Segreteria per ciascun esame sostenuto, a prescindere dall’esito dello stesso.                                                                                                         
18. Academy rilascerà il titolo di Life Counselor nel momento in cui il candidato abbia soddisfatto tutti i requisiti richiesti dalla Scuola per l’ottenimento dello stesso, nonché soddisfi i requisiti richiesti dall’ associazione professionale di categoria che riconosce il corso.
19. Istituire uno Sportello di Ascolto gestito dalla Vicepresidente Dolores Saracini al fine di creare uno spazio dedicato a cui rivolgersi in caso di questioni o problematiche (ad esempio risoluzione del contratto anzitempo; difficoltà con i docenti; problematiche nella propria formazione, ecc.) che si desidera vengano sottoposte al Direttivo. Lo Sportello di Ascolto è attivo all’indirizzo:  

i soci HANNO LA RESPONSABILITÀ E SI IMPEGNANO A:

1. ad avere la consapevolezza che ogni individuo è responsabile delle proprie scelte e delle proprie azioni, siano queste l'iscrizione ad una Scuola, la partecipazione ad un corso o la scelta di un percorso individuale;
2. richiedere informazioni chiare e precise su tutto ciò che interessa e può aiutare a compiere una scelta consapevole;
3. non accettare rapporti o situazioni in cui si è forzati a compiere azioni o esperienze che non siano avvertite intimamente come rispettose e opportune per se stessi e per altri;
4. tener presente che la ricerca del benessere psico-fisico-mentale e la ricerca interiore-spirituale comportano un serio impegno personale, un percorso lungo e a volte anche molto faticoso e/o doloroso;
5. osservare le regole previste per la sana convivenza all’interno dell’Associazione per un proficuo percorso di sviluppo personale;
6. curare che il proprio comportamento e il proprio linguaggio siano appropriati al contesto associativo e in linea con l’ambiente rispettoso dello sviluppo personale di ciascuno che Academy è;
7. segnalare ai docenti o ai codocenti l’eventuale decisione di astenersi dalla partecipazione ad una qualunque delle attività proposte, partendo dal presupposto che l’adesione alle attività è su base volontaria. In caso contrario vale il tacito assenso.
8. informare il team in caso di uscita dalla sala durante l’attività, motivandone la necessità. Attendere quindi fuori dalla sala che gli venga segnalato dal team qual è il momento più consono per poter accedere nuovamente alla sala;
9. rispettare le regole di comportamento e di sicurezza personale indicate nei pannelli informativi presenti in Sede. Tali regole sussistono con l’obiettivo di assicurare la cura ed il rispetto di sé, degli altri e preservare la struttura che ci ospita;
10. Leggere il contratto nelle sue clausole e richiedere una copia dello stesso controfirmata dal Presidente;                                                                                                
11. scegliere il proprio calendario didattico compilando il modello prestampato distribuito dalla Segreteria al momento dell’iscrizione e/o prima dell’inizio dell’anno successivo;
12. rispettare responsabilmente il calendario didattico autonomamente scelto e successivamente confermato dalla Direzione;
13. assolvere al pagamento della quota associativa annuale di € 100 tramite bonifico bancario al momento dell’iscrizione. La quota associativa annuale ha la durata di un anno solare e va pagata entro il 31 gennaio. (Per i contratti in essere la quota associativa è inclusa nell’investimento previsto dal contratto. Il contratto annuale include la quota associativa per un anno di percorso; il contratto biennale include la quota associativa per due anni di percorso; il contratto triennale include la quota associativa per tre anni di percorso.) ;
14. effettuare i pagamenti inerenti ai percorsi o alle occasioni formative tramite bonifico bancario entro i termini previsti dal piano di pagamento prescelto e sottoscritto;               
15. prendere visione per tempo e autonomamente dei cenni organizzativi inerenti a ciascun modulo didattico o esperienza didattica che intendono frequentare visitando la pagina https://www.lifecounselor.it/calendario-seminari, avendo la cura di procurarsi il materiale occorrente richiesto per lo svolgimento delle attività. Nel caso in cui il socio frequentante riscontri delle difficoltà che gli rendano impossibile procurarsi il materiale richiesto è tenuto a darne comunicazione in segreteria all’indirizzo non oltre sette giorni prima del giorno d’inizio del modulo didattico o dell’attività didattica prevista in modo che, insieme con la Direzione, ci sia il tempo di trovare una soluzione praticabile sia per il socio che per la Scuola;
16. se iscritti ad un percorso, avvertire con un preavviso di almeno due settimane e comunque non oltre i 15 (quindici) giorni precedenti alla data di inizio del modulo didattico o dell’occasione didattica prevista eventuali cambiamenti apportati al proprio calendario didattico, all’interno dello stesso anno, inviando una mail all’indirizzo . La Direzione si riserva di approvare o meno i cambiamenti richiesti sulla base delle esigenze didattiche. Ogni assenza non comunicata secondo le modalità ed entro i termini previsti dal presente scritto comporta il decadimento del diritto di frequenza in altra sede o in un altro momento di detto modulo didattico. Tale modulo didattico verrà conteggiato “come fosse stato frequentato” senza tuttavia figurare nel monte ore frequentato dal socio. A tal proposito si specifica che Il 20% di assenze previsto si esaurisce nell'anno in corso. Le assenze non sono cumulabili; Il 20% di assenze previsto riguarda i moduli formativi (=seminari) non riguarda in nessun modo il tirocinio: Il monte ore del tirocinio va compiuto completamente. Il presente punto è da considerarsi valido in tutti i casi ad eccezione di eventuali cause di forza maggiore. Rientrano nella definizione di “forza maggiore” solamente i seguenti eventi: calamità naturali, sciopero non programmato e non annunciato dei mezzi di trasporto, ricovero ospedaliero con consegna del relativo certificato.
17. se è già stato superato il termine di 15 giorni, termine che comporta la perdita del diritto di frequenza, il socio può organizzare uno scambio di frequenza con un altro studente, mantenendo in questo modo il diritto a frequentare un altro modulo didattico;
18. aver cura della propria e della altrui incolumità in qualsiasi attività vadano a svolgere prestando attenzione a non mettere in pericolo se stessi o gli altri e assumendosi la piena responsabilità di eventuali infortuni arrecati a se stessi o agli altri.
19. mantenere e curare l’integrità delle strutture in cui si svolgono le attività nelle varie sedi. Chi si rende responsabile di danni all’ambiente, alle strutture
o alle attrezzature è tenuto a rimediare o a risarcire, ripristinando lo stato di fatto precedente il danno. Le modalità di riparazione o di risarcimento verranno stabilite dal Direttivo;
20. se partecipanti ad un modulo didattico, richiedere, se prevista, che gli venga consegnata al termine di ogni modulo didattico frequentato la dispensa inerente agli aspetti teorici trattati nello stesso. In caso di smarrimento della dispensa il socio può richiedere che gli venga consegnata un’ulteriore copia della stessa al costo di euro 20,00;
21. richiedere informazioni di segreteria per quanto riguarda la didattica all’indirizzo: ;
22. richiedere il rilascio degli attestati di partecipazione entro la settimana successiva al modulo didattico frequentato o altra documentazione scrivendo una mail all’indirizzo: ;
23. richiedere informazioni per quanto riguarda la propria posizione contabile scrivendo una mail all’indirizzo: ;
24. se iscritti ad un percorso che preveda la stesura di relazioni, inviare le relazioni finali inerenti al primo anno della Scuola di Life Counselor o al Percorso Rinascita all’indirizzo: ;
25. se iscritti ad un percorso che preveda la stesura del diario di bordo, inviarlo entro 20 (venti) giorni dalla fine del modulo didattico frequentato all’indirizzo: ;
26. se iscritti ad un percorso che preveda le schede di tirocinio, compilare il modulo google dedicato entro i termini previsti pena l’invalidazione dell’attività svolta;                              
27. se iscritti ad un percorso che preveda il tirocinio, ad attenersi e ad osservare quanto previsto dalle indicazioni di tirocinio fornite da Academy. I tirocinanti sono responsabili del completamento o meno del proprio tirocinio. I tirocinanti sono tenuti a rispettare la privacy dei clienti e si assumono la responsabilità della gestione secondo privacy dei documenti relativi al tirocinio. I tirocinanti sono responsabili della consegna a chi di dovere dei documenti di tirocinio entro e non oltre le tempistiche previste pena l’invalidazione dell’attività di tirocinio svolta; 
28. richiedere la calendarizzazione degli appuntamenti di counseling previsti dal contratto con il Presidente di Academy o con il proprio Personal Counselor;
29. disdire l’appuntamento di counseling, sia esso in presenza o via Skype, con un anticipo di almeno due giorni e comunque non oltre le 48 (quarantotto) ore precedenti all’orario convenuto inviando una comunicazione al proprio Personal Counselor. Gli appuntamenti mancati o disdetti oltre tale termine temporale e secondo le modalità qui espresse si considerano “come svolti” e quindi perduti. Il presente punto è da considerarsi valido in tutti i casi ad eccezione di eventuali cause di forza maggiore. Rientrano nella definizione di “forza maggiore” solamente i seguenti eventi: calamità naturali, sciopero non programmato e non annunciato dei mezzi di trasporto, ricovero ospedaliero con consegna del relativo certificato;
30. fissare gli appuntamenti di counseling con il Presidente scrivendo una mail all’indirizzo  o inviando un messaggio WhatsApp al numero: 389 1473315;
31. disdire gli appuntamenti con il Presidente (secondo le modalità espresse al punto 28) scrivendo una mail all’indirizzo o inviando un messaggio WhatsApp al numero: 389 1473315;
32. considerare vincolanti le date e gli orari delle varie attività didattiche che Academy propone. Eventuali cambiamenti vanno concordati con la Direzione, solo nel caso di reale necessità, con un preavviso di almeno due settimane e comunque non oltre 15 (quindici) giorni precedenti alla data d’inizio inviando una mail all’indirizzo ;
33. prenotare i pasti non propedeutici, se lo ritiene opportuno, con un preavviso di almeno una settimana e comunque non oltre 7 (sette) giorni antecedenti alla data d’inizio del seminario, scrivendo un messaggio WhatsApp al numero di telefono degli Amici di Academy della Sede presso la quale si svolgerà il modulo didattico:
Amici di Academy Vicenza: 389 955 4161;
Amici di Academy Monza: 324 982 1142;
Amici di Academy di Treviso: 329 366 3169;

Amici di Academy Savona: 324 0582145;                                                                     

Nel caso di seminario non goduto e/o non disdetto secondo le modalità riportate al punto 15. della presente sezione, qualora gli Amici di Academy abbiano prenotato a nome dell’allievo i pasti previsti in quanto propedeutici non disdetti secondo le modalità previste  e i pasti aggiuntivi eventualmente prenotati, l’allievo è tenuto in ogni caso a corrispondere l’intero ammontare della prenotazione a proprio nome.
34. rispettare e pertanto non divulgare all’esterno o a terzi quanto emerso durante i moduli didattici alle persone con cui si è condiviso il Seminario o l’esperienza didattica. La definizione di “luogo protetto” richiama proprio alla responsabilità di non divulgare o far riferimento al di fuori dell’esperienza stessa, con gli interessati o con terzi, a quanto emerso, sentito o provato nei confronti delle altre persone frequentanti la medesima esperienza in sede di costellazione, rappresentazione o attività didattica preservando in questo modo l’intimità di ciascuno (cfr. art. 13 Academy ha la responsabilità di e si impegna a);
35. non utilizzare con terze persone, siano esse esterne o interne all’Associazione, tecniche didattiche, visualizzazioni, oggetti simbolici, disegni, costellazioni, dialoghi con l’anima ecc. senza aver ottenuto specifica autorizzazione/supervisione o certificazione da parte della Direzione;                                                                                                        
36.il socio insolvente non ha diritto a ricevere gli attestati di partecipazione/frequenza prima di aver saldato la propria quota;
37. rispettare il seguente codice deontologico:

INTRODUZIONE AL CODICE DEONTOLOGICO DI ACADEMY

L’Academy Associazione adotta il presente codice deontologico al fine di regolamentare i rapporti scaturenti dall’esercizio della professione del Counselor.
Il codice deontologico costituisce l’insieme delle norme e dei principi di condotta in cui tutti i Counselor professionisti e i tirocinanti Counselor si riconoscono e di cui si impegnano al rispetto.
La conoscenza, la condivisione e il rispetto del presente codice deontologico, nonché l’osservanza delle norme e dei principi in esso contenuti, è un requisito imprescindibile per operare come Counselor all’interno e all’esterno dell’Associazione.
In relazione alla professione di Counselor, il codice deontologico fa riferimento alla professione di Counselor definita come segue:
“Il Counseling professionale è un'attività il cui obiettivo è il miglioramento della qualità di vita del cliente, sostenendo i suoi punti di forza e le sue capacità di autodeterminazione. Il Counseling offre uno spazio di ascolto e di riflessione, nel quale esplorare difficoltà relative a processi evolutivi, fasi di transizione e stati di crisi e rinforzare capacità di scelta o di cambiamento. É un intervento che utilizza varie metodologie mutuate da diversi orientamenti teorici. Si rivolge al singolo, alle famiglie, a gruppi e istituzioni. Il Counseling può essere erogato in vari ambiti, quali privato, sociale, scolastico, sanitario, aziendale”.

PRINCIPI GENERALI

PRIMO
Il presente codice contiene principi e regole che il Counselor diplomato in Academy (di seguito indicato con il termine Counselor) e il tirocinante Counselor socio di Academy deve osservare nell’esercizio della professione. Il Counselor si impegna a rispettare e tutelare i diritti fondamentali di ogni persona nel rispetto della singola soggettività.
SECONDO
Le competenze del Counselor sono costituite dall’iter formativo nonché dal successivo e costante aggiornamento e dalla supervisione, così come stabilito nei moduli formativi definiti Formazione Continua e Supervisione che Academy propone. Il Counselor riconosce i confini del proprio ambito di competenza e si impegna ad operare esclusivamente in tale ambito.
TERZO
Il Counselor come il tirocinante Counselor si assume la responsabilità professionale del proprio operato, osservando il rispetto dei diritti della persona, agendo con trasparenza, coerenza ed onestà, esplicitando il proprio ruolo professionale, le proprie competenze e la propria metodologia.
QUARTO
Academy riconosce come fondamentali i principi della onestà, trasparenza, coerenza, rispetto dei diritti della persona e della sua dignità e tali principi devono essere rispettati dai propri associati professionisti che ne condividono la priorità e ne fanno il fondamento del loro operato.

CODICE DEONTOLOGICO DEI COUNSELOR DIPLOMATI IN ACADEMY E DEI TIROCINANTI COUNSELOR
CAPO 1 – OGGETTO ED AMBITO DI APPLICAZIONE V.3.1.1 ARTICOLO 1 (obbligatorietà delle norme deontologiche)
a)  Il presente Codice Deontologico deve essere rispettato da tutti coloro che sono Counselor professionisti o tirocinanti Counselor.
b)  Il Counselor è tenuto al rispetto delle leggi vigenti dello Stato italiano o dello Stato estero dove si trova ad operare e comunque nel rispetto del presente codice.

ARTICOLO 2 (inosservanza delle regole e sanzioni)
a)  La responsabilità deontologica è personale.
b)  L’inosservanza del presente codice comporterà l’applicazione delle sanzioni previste nel Patto di Corresponsabilità di Academy. Le sanzioni comminate saranno adeguate alla gravità degli atti o delle omissioni commesse.
c)  Il procedimento disciplinare è obbligatorio e prosegue fino alla sua definizione anche se l’iscritto ad Academy si cancella dall’Associazione.

CAPO 2 – DOVERI DEL COUNSELOR PROFESSIONISTA E DEL TIROCINANTE COUNSELOR ISCRITTO AD ACADEMY ASSOCIAZIONE
ARTICOLO 3 (decoro e dignità)
a) L’esercizio della professione deve essere svolto in conformità ai principi del decoro e della dignità professionale ed è fondato sulla libertà e sull’ autonomia.

ARTICOLO 4 (competenza professionale)
a)  Il Counselor opera nel rispetto delle proprie competenze, rispettando le competenze e le specificità delle altre discipline.
b)  Il Counselor riconosce i limiti della propria competenza e fornisce al cliente le informazioni circa la propria figura professionale e la metodologia applicata nel proprio operato.
c)  Il Counselor non deve ingenerare aspettative infondate nel proprio cliente, non deve utilizzare indebitamente la fiducia del rapporto professionale per conseguire ingiusti vantaggi e non deve approfittare dell’eventuale influenza che può avere sul proprio cliente.
d)  Il Counselor mantiene un livello adeguato di preparazione professionale e si aggiorna costantemente in relazione al proprio livello di accreditamento ed ai propri ambiti di intervento frequentando i moduli di Formazione continua e Supervisione che Academy propone.

ARTICOLO 5 (rispetto del cliente)
a)  Il Counselor si attiene al rispetto della libertà e della dignità della persona, rispettando il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia del proprio cliente.
b)  Non effettua alcuna discriminazione in relazione al sesso, alla religione, alla nazionalità, all’ideologia, all’estrazione sociale, alle condizioni economiche, alle idee politiche all’orientamento sessuale ed alla disabilità.

ARTICOLO 6 (diffusione dei principi deontologici)
a) Il Counselor, riconoscendo nel presente codice i cardini fondamentali per lo svolgimento dell’attività professionale, si impegna, nella attività di formazione e/o di divulgazione, a portare a conoscenza dei terzi con cui viene in contatto per anzidette attività il contenuto del presente codice.

ARTICOLO 7 (attività professionale con animali e rispetto per l’ambiente)
a) Il Counselor si impegna al rispetto dell’ambiente e del regno vegetale e animale.

CAPO 3 RAPPORTI CON I CLIENTI V.3.3.1 ARTICOLO 8 (libertà di scelta)
a)  Il Counselor rispetta il diritto del cliente alla libertà di scelta del professionista a cui rivolgersi.
b)  Il Counselor, qualora ne ravvisi la necessità, può subordinare il proprio intervento all’espletamento (da parte del cliente) di altre consulenze professionali.

ARTICOLO 9 (riservatezza)
a)  Il Counselor è tenuto al rispetto della normativa vigente sul trattamento dei dati personali del cliente e di terzi con cui sia venuto in contatto in relazione all’esercizio dell’attività professionale.
b)  Il diritto alla riservatezza concerne anche tutta la documentazione relativa alla prestazione professionale che deve essere conservata nel rispetto della normativa vigente.
c)  Per quanto concerne riprese e/o registrazioni audiovisive il Counselor è tenuto a raccogliere, nel rispetto della normativa vigente, il consenso del cliente.
d) Il Counselor in ogni sua comunicazione, sia all’interno di convegni scientifici che di attività didattiche o comunque di qualsiasi tipo, è tenuto ad evitare ogni riferimento che possa ricondurre ad una identificazione soggettiva relativa a quanto esposto nella comunicazione stessa.

ARTICOLO 10 (compenso)
a) Il Counselor comunica sin dal primo incontro il compenso per la propria prestazione, che non può essere subordinato al risultato della prestazione stessa.

ARTICOLO 11 (limiti)
a)  Il Counselor riconosce i limiti del proprio intervento professionale.
b)  Qualora rilevi che il cliente necessiti di un intervento diverso da quello di Counseling, è tenuto ad indirizzare lo stesso al professionista che ritiene più adeguato.

ARTICOLO 12 (consenso informato)
a) Il Counselor nella fase iniziale del rapporto con il cliente fornirà allo stesso tutte le informazioni necessarie affinché il consenso alla prestazione sia effettivamente informato, libero e consapevole.

ARTICOLO 13 (prestazioni professionali rivolte a minori)
a)  Le prestazioni professionali nei confronti di minori sono subordinate al consenso informato (debitamente documentato) che dovrà essere rilasciato da coloro che esercitano la responsabilità genitoriale o da chi ne fa le veci.
b)  Il Counselor è tenuto ad informarsi in merito ad eventuali situazioni di contenzioso tra genitori e comunque alla situazione giuridica del minore.

ARTICOLO 14 (segreto professionale)
a) Il Counselor è tenuto all’osservanza del segreto professionale, sia in merito a tutto quanto abbia avuto conoscenza nello svolgimento della prestazione professionale, sia in merito all’effettuazione della prestazione stessa.
b) La morte del cliente non esime dall’osservanza del segreto professionale.
c) Il Counselor deve informare eventuali collaboratori dell’obbligo del segreto professionale su quanto appreso.
d) Nelle attività di Counseling di gruppo il Counselor, nella fase iniziale, impegna i componenti del gruppo al rispetto della riservatezza.

ARTICOLO 15 (segreto professionale con clienti minorenni)
a)  Il minore ha diritto al mantenimento del segreto professionale nei confronti di chi ne esercita la responsabilità genitoriale.
b)  Se il segreto può comportare un rischio per il minore, il Counselor dovrà segnalare la situazione a chi esercita la responsabilità genitoriale informando preventivamente il minore stesso.
c)  Il Counselor che nell’esercizio della sua professione venga a conoscenza di qualsiasi forma di sfruttamento e/o violenza su un minore da parte di terzi, anche con questi consenziente, nell’interesse prevalente del minore, assumendosene la responsabilità di fronte alla legge, valuterà la possibilità di violare il segreto professionale, segnalando la situazione a chi esercita la responsabilità genitoriale o, in caso di latitanza o di complicità della stessa, all’Autorità Giudiziaria competente.

ARTICOLO 16 (deroghe al segreto professionale)
a)  La rivelazione del segreto professionale da parte del Counselor è obbligatoria qualora vi sia una richiesta legittima dell’Autorità Giudiziaria e comunque in tutti i casi previsti dalla normativa vigente.
b)  Il Counselor metterà il cliente al corrente di tale obbligo.
c)  In tale sede il Counselor riferirà solo quanto appreso direttamente in occasione del rapporto professionale.
d)  La rivelazione del segreto professionale è consentita altresì solo con il consenso scritto del cliente, purché non sia leso il diritto alla segretezza di altre persone.

ARTICOLO 17 (commistioni tra ruolo professionale e vita privata)
a)  Il Counselor evita commistioni tra ruolo professionale e vita privata che possano interferire con la propria attività professionale.
b)  Il Counselor non deve svolgere la propria attività professionale nei confronti di coloro con i quali ha intrattenuto o intrattiene relazioni significative di natura personale, amicale, affettiva, sentimentale, sessuale.

ARTICOLO 18 (interruzione del rapporto professionale)
a)  Il Counselor valuta se interrompere il rapporto professionale quando lo stesso non porta alcun vantaggio per il cliente oppure se viene meno il rapporto di fiducia e fornisce al cliente tutte le informazioni necessarie per la prosecuzione del rapporto professionale con altri professionisti.
b)  Il Counselor può interrompere il rapporto se ravvisa la necessità dell’intervento di altro professionista.
c) Il Counselor può interrompere il rapporto professionale altresì per giusta causa come, a titolo meramente esemplificativo, un trasferimento o uno stato di malattia.

ARTICOLO 19 (consegna della documentazione)
a) A richiesta del cliente o in caso di invio ad altro professionista, il Counselor può fornire, se lo ritiene utile, la documentazione in suo possesso.

ARTICOLO 20 (attività di ricerca)
a)  Il Counselor, durante l’attività di ricerca, informa preventivamente i soggetti interessati al fine di ottenerne il consenso informato.
b)  Il Counselor garantisce ai soggetti interessati la piena facoltà di ritirare il consenso fornito e/o di ritirarsi dalla ricerca.
c)  Qualora la ricerca coinvolga minori il Counselor acquisisce tale consenso dagli esercenti la responsabilità genitoriale o la tutela, fermo restando il diritto del minore coinvolto a ritirarsi dalla ricerca.

ARTICOLO 21 (prestazioni a distanza)
a) I principi e le norme del presente codice si applicano anche nel caso in cui la prestazione venga effettuata a distanza: via internet, posta elettronica o con qualunque altro mezzo elettronico e/o telematico.

CAPO 4 RAPPORTI CON I COLLEGHI
a)  Il Counselor ispira i rapporti con i colleghi al principio del rispetto, della lealtà e della onestà.
b)  Il Counselor si astiene dall’esprimere giudizi negativi sui colleghi, sul loro operato e non offende la loro capacità e competenza professionale.

CAPO 5 RAPPORTI CON LA SOCIETA’ E CON I TERZI V.3.5.1 ARTICOLO 23 (libertà ed autonomia)
a) Il Counselor che instaura un rapporto di lavoro sia esso di carattere continuativo, subordinato o di collaborazione con enti pubblici o privati, società o istituzioni, accetta unicamente condizioni di lavoro che non compromettano la propria autonomia e libertà professionale ed è sempre tenuto al rispetto del presente codice.

ARTICOLO 24 (committente diverso dal destinatario)
a) Il Counselor, quando opera su mandato di un committente diverso dal destinatario della prestazione professionale, tutela prioritariamente il destinatario dell’intervento e chiarisce adeguatamente ad entrambi i soggetti la natura e la finalità dell’intervento.
b) Il Counselor, qualora rilevi un conflitto d’interesse tra committente e destinatario, si adopera per superarlo e, qualora ciò non risulti possibile, rinuncia all’incarico.

ARTICOLO 25 (pubblicità)
a) Il Counselor si presenta ai potenziali clienti in modo corretto e completo in relazione alla propria formazione e alla propria competenza.
b) Il Counselor non adotta forme pubblicitarie i cui contenuti possano ingenerare confusione rispetto alle proprie competenze professionali.
c) Il Counselor non utilizza comportamenti scorretti finalizzati al procacciamento della clientela.

ARTICOLO 26 (società tra professionisti)
a) Il Counselor che esercita la propria attività professionale in società anche di tipo interprofessionale è sempre direttamente responsabile dei propri interventi.
CAPO 6  ATTUAZIONE
ARTICOLO 27 (attuazione del codice)
a) Il presente codice entra in vigore dal momento della sua approvazione da parte della Assemblea dei soci 2020.
b) In attesa della ratifica tutti i soci si impegnano al rispetto del presente codice.

NATURALE EVOLUZIONE E SCADENZA DEL PATTO DI CORRESPONSABILITÀ

Il Patto di Corresponsabilità viene rivisitato annualmente al fine di allinearsi alla nuova didattica, alle esigenze della direzione, dei docenti e dei soci.
Ogni singolo socio può essere parte attiva nel processo di definizione del presente Patto rivolgendo le proprie proposte in chiave migliorativa ai portavoce di percorso formativo eletti annualmente.

Portavoce Primo Anno:
Marcelo Mateos Aparicio:
347 609 7362 


Portavoce Secondo Anno:
Francesca De Antoniis:
329 909 9384 


Portavoce Terzo Anno:
Elena De Franceschi:
342 103 2383 


Portavoce Master:
Paolo Spanò:
392 869 2475 


Portavoce Formazione Continua:
Santina Praticò:
347 117 4850 


Ogni anno verrà redatto il nuovo patto da parte degli interessati e, presa visione delle richieste, delle delucidazioni e delle eventuali modifiche, il Direttivo confermerà il nuovo patto che, sarà sottoposto all’approvazione dell’Assemblea dei Soci annuale
Il presente Patto di Corresponsabilità entra in vigore dal momento della sua approvazione da parte della Assemblea dei soci 2020.
Il presente Patto di Corresponsabilità rimarrà in vigore fino all’Assemblea annuale dei Soci 2021.
Per tutto ciò che non è espressamente specificato o descritto in questo Patto di Corresponsabilità si fa riferimento alla Direttrice Didattica e al Presidente in base ai temi e alle competenze dell’argomento da trattare.

BILANCIO DEFINITIVO AL 31/12/2019

Felici di ascoltarti!

Compila il form qui a lato per qualsiasi informazione riguardo i Percorsi di Crescita Personale e i Seminari Esperienziali o semplicemente per condividere il tuo pensiero.

Ti daremo riscontro al più presto!

 

Se preferisci, chiamaci via Skype:

* i campi sono obbligatori